Colesterolo

Published : 26/11/2016 15:49:23
Categories : Blog

Colesterolo: Una sostanza naturale

Nel corso degli anni, il colesterolo nel sangue è stato riconosciuto come un fattore di rischio indipendente per le malattie cardiovascolari e la mortalità. Anche se non è più considerato il fattore di rischio più importante, resta il fatto che il colesterolo alto nel sangue e un profilo lipidico del sangue anormale possono contribuire all'irrigidimento delle arterie, portando ad aterosclerosi, con implicazioni disastrose per la salute umana.

Il colesterolo è una sostanza naturale, fondamentale per la salute cellulare; senza di esso la vita è impossibile. Quando diciamo "colesterolo alto", ci riferiamo in realtà a un gruppo di lipoproteine, molecole specializzate che agiscono come vettori del colesterolo, trasportando il colesterolo da e verso il fegato e gli organi periferici.

Anche se la categorizzazione effettiva è molto più complessa, i lipidi del sangue legati al colesterolo sono generalmente menzionati come segue:

Il colesterolo totale

LDL, o colesterolo "cattivo": la molecola responsabile dell'accumulo di colesterolo sulle pareti delle arterie;

HDL, o colesterolo "buono": la molecola responsabile della rimozione del colesterolo dalle pareti delle arterie;

Trigliceridi, un'altra sostanza grassa nel sangue, che partecipa alla determinazione del colesterolo totale.

Quando si verifica un accumulo di colesterolo nelle arterie, le pareti arteriose si ispessiscono e si irrigidiscono. Questo cambiamento si traduce in una perdita della loro elasticità, che, a sua volta, può causare un aumento della pressione sanguigna che porta all'ipertensione. Inoltre, viene promossa l'incidenza dell'aterosclerosi, che si riferisce alla creazione di placche nelle pareti interne delle arterie. Man mano che diventano più grandi, queste placche possono alla fine rompersi, causando coaguli di sangue che possono bloccare la circolazione del sangue al cuore o al cervello, causando sindromi coronariche e ictus.

Attualmente, il pilastro del trattamento contro il colesterolo alto è stato la riduzione delle LDL e dei trigliceridi, e l'aumento delle HDL. Qualsiasi intervento che provochi un cambiamento in questo schema, sia attraverso la dieta, l'esercizio fisico o i medicamenti, è stato considerato efficace. Per quanto riguarda i farmaci, le statine sono state il golden standard negli ultimi 2 decenni.

Colesterolo e vitamina C: una stretta correlazione

Comunque, come per tutti i farmaci, le statine non sono prive di effetti collaterali. Sono associate a mialgia (dolore muscolare), tossicità epatica e, recentemente, sono state scoperte per aumentare il rischio di diabete incidente. Fortunatamente, la riduzione del colesterolo e della aterosclerosi è possibile con mezzi naturali, come la vitamina C.

Il colesterolo: Studi clinici

Nel 1986, Harwood, Green e Stacpoole hanno scoperto che la vitamina C ha la capacità di inibire l'enzima HMG-CoA reduttasi in vitro, rivelando che, a livello molecolare, la vitamina C può agire come statina [1]. Infatti, la sua attività inibitoria è stata proporzionale alla sua concentrazione; più alta è la concentrazione, più pronunciata è la sua attività. Inoltre, attraverso la sua attività antiossidante, la vitamina C può prevenire l'ossidazione delle LDL, che è alla base della maggior parte dei problemi di questo tipo.

Nel 2000, Kurowska e collaboratori hanno riferito che il succo d'arancia ad alto contenuto di vitamina C ha aumentato significativamente i livelli di colesterolo HDL (buono) mentre ha diminuito i livelli di colesterolo LDL (cattivo) negli esseri umani sani con colesterolo alto nel sangue, fornendo una prova clinica precoce della capacità dell'acido ascorbico di abbassare i lipidi [2].

Un altro importante studio condotto in un ospedale Iraniano nel 2007, ha dimostrato che l'integrazione con 1000 mg di vitamina C è stata in grado di ridurre le LDL e i trigliceridi nei pazienti con diabete di tipo 2 [3]. Tuttavia, 500mg non sono riusciti a produrre lo stesso evento, sottolineando l'importanza di raggiungere elevate concentrazioni plasmatiche di acido ascorbico.

Infine, nel 2014 sono stati pubblicati due importanti studi. Il primo, di David Højland Ipsen e collaboratori ha dimostrato che i bassi livelli di vitamina C sono correlati con la malattia del fegato grasso nella popolazione generale, un disordine metabolico che è strettamente correlato ai lipidi anomali del sangue e ai disturbi metabolici in genere [4]. Il secondo, di Siavash e Amini, ha mostrato che la vitamina C può avere effetti di aumento delle HDL simili a quelli del farmaco da prescrizione Gemgiprozil, su pazienti con diabete di tipo 2, favorendo la salute cardiovascolare [5].

Quindi, la vitamina C ha la capacità di migliorare la lipidemia. Ma per farlo, è necessario raggiungere una sufficiente concentrazione plasmatica. Purtroppo, gli supplementi alimentari tradizionali non riescono a mantenere in modo affidabile una concentrazione di vitamina C sufficientemente alta, a causa di problemi di assorbimento. È qui che la tecnologia liposomiale può essere d'aiuto, poiché è stato dimostrato che è almeno il 50% più efficace degli altri supplementi di acido ascorbico ad alto dosaggio [6].

Goldman Laboratories sono leader nella ricerca di prodotti liposomiali, tra cui una forma altamente biodisponibile di vitamina C, LIPOSOMIALE VITAMIN C 500MG.Utilizzando un supplemento di vitamina C liposomiale di alta qualità, è possibile ottenere una corretta concentrazione di vitamina C nel plasma.

Riferimenti:

[1] : Harwood J, Greene Y, Stacpoole P. Inhibition of human leukocyte 3-hydroxy-3-methylglutaryl coenzyme A reductase activity by ascorbic acid. An effect mediated by the free radical monodehydroascorbate. The Journal of Biological Chemistry. 1986;261(16):7127-7134.

[2] : Kurowska E, Spence D, Jordan J, Wetmore S, Freeman D, A Piché L et al. HDL-cholesterol-raising effect of orange juice in subjects with hypercholesterolemia. The American Journal of Clinical Nutrition. 2000;72(5):1095-1100.

[3] : Afkhami-Ardekani M, Shojaoddiny-Ardekani A. Effect of vitamin C on blood glucose, serum lipids & serum insulin in type 2 diabetes patients. The Indian Journal of Medical Research. 2007;126(5):471-474.

[4] : Ipsen D, Tveden-Nyborg P, Lykkesfeldt J. Does Vitamin C Deficiency Promote Fatty Liver Disease Development?. Nutrients. 2014;6(12):5473-5499.

[5] : Siavash M, Amini M. Vitamin C may have similar beneficial effects to Gemfibrozil on serum high-density lipoprotein-cholesterol in type 2 diabetic patients. Journal of Research in Pharmacy Practice. 2014;3(3):77.

[6] : Bell, Davis J, Paris H, Beals J, Binns S, Giordano G et al. Liposomal-encapsulated Ascorbic Acid: Influence on Vitamin C Bioavailability and Capacity to Protect Against Ischemia–Reperfusion Injury. NMI. 2016;:25.

Related Posts

Share this content

Add a comment

 (with http://)