Chirurgia

- Categoria: Blog

Surgery :Chirurgia : Vitamina C, ipovitaminosi

La vitamina C, conosciuta anche come acido ascorbico, è un composto organico solubile in acqua con molteplici ruoli nel corpo umano. È un micronutriente essenziale, poiché l'organismo umano non può sintetizzare e deve assumerlo quotidianamente da risorse esterne. La vitamina C serve come un co-fattore in diversi sistemi enzimatici, compresi quelli che si svolgono nella idrossilazione del collagene, la biosintesi di norepinefrina e carnitina, nella idrossilazione del cortisolo e nel metabolismo del colesterolo [1]. Pertanto, una carenza di questo nutriente cruciale influenzerà negativamente diversi sistemi biologici e funzionalità.

Chirurgia: casi di analisi e di valutazione clinica

Recentemente, ci sono state alcune ricerche che hanno valutato lo stato della vitamina C in pazienti ospedalizzati che erano in gravi condizioni, sia a causa di traumi multipli, sia a seguito di un intervento chirurgico. Una scoperta comune è stata che in quei pazienti l'ipovitaminosi C era frequente [2]. Poiché la carenza di vitamina C nel mondo sviluppato è rara, questo tipo di ipovitaminosi è considerata una risposta alla fase acuta. Infatti, sembra esserci un aumento della domanda di vitamina C nei malati critici, così come nei pazienti pre e post-chirurgici, per una serie di ragioni, con un aumento dell'assorbimento da parte dei leucociti circolanti e lo stress ossidativo è il più importante di loro.

Come combattere questa carenza di vitamina C dopo l'intervento chirurgico pre e post operatorio:

Inoltre, è stato dimostrato di recente che le raccomandazioni dietetiche standard per la vitamina C non sono sufficienti a coprire i maggiori bisogni dell'organismo durante il periodo pre e post-chirurgico. Due pubblicazioni dal Giappone hanno suggerito che per ristabilire i normali livelli di vitamina C dopo l'intervento chirurgico, è necessaria la somministrazione per via endovenosa di almeno 500 mg di vitamina C. Inoltre, quando viene utilizzato un dosaggio maggiore, i markers di stress ossidativo sono ridotti e diversi risultati clinici, come l'incidenza della fibrillazione atriale, per esempio, sono migliorati. Infine, l'integrazione di vitamina C ad alto dosaggio per via endovenosa ha dimostrato di promuovere la guarigione delle ferite nei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale con gravi lesioni [3,4].

Questi risultati implicano anche che un'adeguata integrazione di vitamina C è essenziale anche in chirurgia ortopedica, perché la vitamina C è un componente fondamentale nella sintesi del collagene, un composto cruciale della cartilagine e dei tendini [5] L'aumento del consumo periferico di vitamina C durante il periodo post-operatorio lo priverà di legamenti e tendini, ostacolandone la riparazione e rallentandone il recupero post-chirurgico. In sostanza, un basso livello di vitamina C dopo l'intervento chirurgico significa che non ci sarà produzione di collagene e nessuna riparazione tissutale.

Poiché le concentrazioni plasmatiche di vitamina C tradizionale sono strettamente regolate durante la somministrazione orale, solo l'acido ascorbico somministrato per via intravenosa può saturare adeguatamente i tessuti. Tuttavia, la somministrazione per via intravenosa non è né pratica, né economica. Un mezzo alternativo di somministrazione di vitamina C altrettanto efficiente esiste già, sotto forma di vera e propria tecnologia liposomica. Gli integratori di vitamina C liposomiali prodotti da rinomati produttori come Goldman Laboratories, combinano l'efficacia della somministrazione ad alta biodisponnibilità con la comodità di una capsula orale, ottenendo il massimo assorbimento cellulare e alte concentrazioni plasmatiche.

Riferimenti:

[1] : Berger M. Vitamin C Requirements in Parenteral Nutrition. Gastroenterology. 2009;137(5):S70-S78.

[2] : Evans-Olders R, Eintracht S, Hoffer L. Metabolic origin of hypovitaminosis C in acutely hospitalized patients. Nutrition. 2010;26(11-12):1070-1074.

[3] : Fukushima R, Yamazaki E. Vitamin C requirement in surgical patients. Current Opinion in Clinical Nutrition and Metabolic Care. 2010;13(6):669-676.

[4] : Kuwabara H, Goseki N, Nakamura H, Tamai S, Baba H, Nakajima K. Adequacy of vitamin C supplementation in patients with gastrointestinal disorders receiving parenteral nutrition: A randomized trial. e-SPEN, the European e-Journal of Clinical Nutrition and Metabolism. 2011;6(3):e148-e152.

[5] : BOYERA N, GALEY I, BERNARD B. Effect of vitamin C and its derivatives on collagen synthesis and cross-linking by normal human fibroblasts. International Journal of Cosmetic Science. 1998;20(3):151-158.

Articoli in relazione

Condividi

Aggiungi un commento

Request a CallBack